le-lezioni-private-680×350

Alzi la mano chi almeno una volta nella vita ha preso qualche lezione privata.

Credo che bene o male molte persone abbiano preso delle ripetizioni.

Mi capita spesso di parlare di quest’argomento con studenti e, ancora più spesso, mi capita di parlarne con dei genitori preoccupati del rendimento scolastico dei loro figli.

Le lezioni private servono veramente?

Dipende!

Per essere più precisi dipende dal motivo per il quale si prendono delle lezioni private.

Quando frequentavo le superiori, ho preso delle lezioni private di latino, la professoressa in classe parlava della “consecutio temporum” e io, sinceramente, non capivo molto.

Il problema non era tanto quello che lei stava spiegando, il problema era che quello che insegnava si basava su degli argomenti della grammatica italiana che non mi erano chiarissimi.

La difficoltà, in questo caso specifico, non era il latino, era la grammatica italiana.

Dopo poche lezioni private tutto è stato chiarissimo e il latino è diventato molto più semplice.

In questo esempio, quindi, le lezioni private sono state molto utili.

Avevo una lacuna ben precisa, il professore l’ha colmata, io sono andato avanti con le mie gambe…

… Con le mie gambe!

Ho usato questa espressione volutamente.

Il problema delle lezioni private è che spesso sento di studenti che prendono ripetizioni da un’infinità di tempo e su diverse materie.

Quando uno studente ha bisogno di molte ripetizioni vuol dire che il suo è un problema di metodo di studio, non di comprensione di un argomento specifico che un professore ti può chiarire.

Se non hai un metodo di studio e continui a fare riassunti lunghi come dei libri, schemi caotici, è ovvio che alla fine capirai molto poco.

Quando uno studente che si trova in questa situazione prende lezioni private, sta chiedendo all’insegnante di recupero di dargli un metodo di studio.

Ma, purtroppo per te, il professore di recupero non ti darà mai un metodo, non è quello il suo lavoro e non è quella la sua materia di competenza.

Lui è lì per rispiegarti quello che non hai capito in classe, non per insegnarti a studiare.

In questi casi le lezioni private non servono assolutamente a nulla, puoi avere anche il migliore professore, ma continuerai a fare lezioni private per tutta la vita.

Il problema non è l’argomento specifico, il problema è la mancanza di metodo di studio.

ESTIRPA LA CAUSA CHE TI FA STUDIARE MALE

Ti faccio un esempio ancora più chiaro.

Se un giorno mi sveglio con un gran mal di testa e dopo un’ora non mi è ancora passato, faccio bene a prendere un aspirina.

Se tutti i giorni da anni mi sveglio con il mal di testa, l’aspirina non mi serve a niente, in questo caso è meglio che vada a fare degli esami più specifici.

E’ inutile agire sul sintomo se non è quella la causa del tuo male.

Questo è esattamente quello a cui penso quando mi chiedono se le ripetizioni servono a qualcosa.

Se vado a lezione e non capisco un argomento specifico, faccio bene a prendere un paio di lezioni private, è esattamente come l’esempio in cui mi sveglio una mattina e ho mal di testa.

Se per essere promosso o superare gli esami ho costantemente bisogno di lezioni private, allora le lezioni private non mi servono assolutamente a nulla.

In questo caso c’è un problema di metodo di studio.

E’ esattamente come l’esempio della persona che da anni si sveglia con il mal di testa e tutti i giorni prende l’aspirina.

La causa del tuo scarso rendimento non è una cattiva comprensione dell’argomento, ma la mancanza di metodo di studio.

Agisci quindi sulla causa del problema per estirparlo del tutto.

SE SEI SEMPRE DIPENDENTE DA QUALCUNO, FINIRAI PER AVERE SCARSA FIDUCIA NELLE TUE CAPACITÀ

Andare per tanto tempo a lezioni private è molto frustante, tutti i ragazzi che conosco e si sono trovati in questa situazione hanno sviluppato una forte insicurezza.

E’ normale, se inizi a pensare che per avere dei risultati hai bisogno di qualcuno che ti assista costantemente, non ti sentirai molto sicuro di te stesso, anzi, svilupperai ansia, insicurezza, inadeguatezza.

Avrai come l’impressione di dover essere costantemente supportato, è come se per camminare avessi bisogno di una stampella perché non riesci a reggerti autonomamente sulle tue gambe.

Se hai sempre bisogno di una stampella, non camminerai sicuramente molto bene, non parliamo poi di correre, è quasi impossibile.

Se dentro di te hai la sensazione di dover avere sempre accanto qualcuno che ti aiuti, a scuola non andrai mai bene, figuriamoci se potrai mai eccellere.

Per questo motivo la tua sicurezza personale con il tempo si abbasserà, ti sentirai sempre meno capace e sarai sempre più ansioso durante i compiti in classe e le interrogazioni.

Alla minima difficoltà andrai nel panico e dentro di te penserai:

“Non ce la posso fare, ho bisogno del professore che mi rispieghi tutto, ho bisogno della mia stampella”.

Non hai bisogno di nessun professore e non hai bisogno di nessuna stampella, hai solo bisogno di un metodo di studio, niente di più.

Il sistema scolastico italiano è folle, non smetterò mai di dirlo e di pensarlo, un sacco di cosa da studiare, ma mai una sola lezione su come studiarle.

Il problema non è che non capisci, il problema è che nessuno ti ha mai insegnato l’unica cosa che conta veramente, ovvero avere un metodo di studio.

Quando si costruisce una casa, la prima cosa che si fa è costruire le fondamenta, senza fondamenta la casa può essere anche meravigliosa all’interno, ma prima o poi crollerà.

Per studiare hai bisogno delle fondamenta esattamente come una casa, le fondamenta sono il metodo di studio.

La tua testa può anche essere brillante, intuitiva, intelligente, ma senza un metodo di studio prima o poi, anche tu inciamperai.

Share this post

Lascia un commento qui

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.